Navigazione veloce

Regole di “Netiquette”

Regole e principi della netiquette

I principi di base del galateo informatico (Netiquette, da “net” e “etiquette”) sono, al pari dell’educazione quotidiana, quelli di essere il meno possibile invasivi e scortesi.

Le regole ufficiali

La netiquette è fissata in una forma definitiva dall’ottobre 1995 con il documento RFC 1855 che contiene tutte le regole ufficialmente e universalmente riconosciute dai netizen per un buon uso della rete e il documento RFC 2635[2] che riguarda le regole relative allo spam. 

Molte delle regole possono avere serie ripercussioni: l’ingiuria e la diffamazione, pur per via telematica, o lo spamming possono, per esempio, costituire i reati di cui agli artt. 594 e 595 c.p. da un lato e 660 c.p. dall’altro. 

Ad ogni modo, pur mancando nella maggior parte dei casi un carattere giuridico, molti ambiti telematici prevedono un vero e proprio sistema sanzionatorio che può addirittura condurre all’esclusione da gruppi o liste.

Vediamo insieme quali sono alcune delle regole da seguire per essere dei “cittadini del web” modello.

  1. Scrivi correttamente: proprio perché tutto quello che scrivi sul web è di dominio pubblico stai attento non soltanto ai contenuti, ma ad ortografia e punteggiatura. È una buona abitudine quella di rileggere almeno tre volte un testo o un messaggio prima di pubblicarlo.
  1. Non scrivere in MAIUSCOLO: in rete utilizzare il maiuscolo equivale ad URLARE al proprio interlocutore, per cui meglio evitare. Se desideri sottolineare un concetto è preferibile metterlo tra virgolette o sottolinearlo.
  1. Leggi bene prima di intervenire: quando vuoi commentare un testo o intervenire in una conversazione assicurati di aver compreso per bene il tema della discussione in atto e di rimanere più coerente e sintetico possibile. In generale cerca di portare un “valore aggiunto” alle discussioni ed evita di condividere informazioni errate od incomplete.
  1. Stai attento al tono: ogni frase o parola detta online – ancor più che offline – può essere male interpretata dalla controparte. In alcuni casi puoi utilizzare faccine ed emoticon per alleggerire il tono di quello che scrivi.
  1. Rispetta la privacy altrui: se sei in possesso di dati personali e sensibili di altri utenti non pubblicarli mai senza il loro consenso; allo stesso modo non rendere pubblici messaggi o parti di conversazioni private. Ricorda che per condividere foto o video di persone è necessario aver preventivamente ricevuto il loro consenso.
  1. Cita le fonti: se vuoi pubblicare testi, immagini, video o ricerche estrapolate da altri siti web ricordati sempre di citarne la fonte, ancor meglio se inserisci un link che permetta a chi legge di risalire alla fonte originale dell’informazione o del contenuto.
  1. Sii educato: non offendere gli altri, in caso di disaccordo spiega il tuo punto di vista con toni educati. Non pubblicare post e commenti discriminatori, che contengano parole d’odio e pregiudizio o abusi personali. Il bullismo digitale è malvisto sia dagli altri utenti che dalle stesse piattaforme online.
  1. Chiedi solo se necessario: prima di fare una domanda cerca sempre tra le FAQ (Frequently Asked Questions) o all’interno di una chat se non c’è già una risposta alla stessa domanda o ad una domanda simile.
  1. Non appesantire il traffico sulla rete: alcune attività possono appesantire il traffico sulla rete, come ad esempio il trasferimenti di archivi e file voluminosi o l’invio di mail con allegati di grandi dimensioni a tanti destinatari. Evita dove possibile operazioni di questo tipo, e laddove non sia possibile programmale in momenti di minima operatività della rete, come di notte – evita in ogni caso gli orari lavorativi.
  1. Non violare la sicurezza: e qui si sfocia nell’illegalità. Non introdurti senza autorizzazione nei computer degli altri utenti – neanche per scherzo – e non minare la sicurezza della rete inviando virus o trojan horses. Ma questo forse non necessita neanche di essere precisato.

La netiquette della posta elettronica

Esiste una netiquette specifica per la posta elettronica, che prevede alcune dritte quando si scambiano email. Innanzitutto è bene ricordare la regola d’oro dell’email: “non inviare agli altri quello che non vorresti venisse inviato a te”.
Tenendo sempre a mente questa regola base ci sono altri consigli che ti diamo per non fare brutta figura quando invii o rispondi ad una email.

  1. Non fare spamming: non diffondere messaggi pubblicitari o spam a meno che tu non sia stato preventivamente autorizzato dai destinatari.
  2. Specifica l’oggetto: è importante precisare l’argomento del messaggio in modo chiaro e specifico, e il modo migliore per farlo è all’interno dell’oggetto e cerca di rispondere mantenendo sempre lo stesso oggetto, per conservare una struttura storica ordinata dei messaggi inviati e ricevuti, “agganciandoli” uno dopo l’altro. 
  1. Mantieni la privacy dei mittenti, cancellando dal testo l’indirizzo ed utilizzando la casella Bcc o Ccn se devi inviare lo stesso messaggio a più destinatari che non si conoscono tra di loro
  1. Sii chiaro e sintetico: scrivere meglio è scrivere poco. Arriva subito al punto e non andare fuori tema, questo faciliterà la conversazione e renderà lo scambio di email più piacevole per entrambe le parti. 
  1. La dimensione del messaggio non deve essere troppo grande, in genere dovrebbe rimanere al di sotto di 100-200 kB e non inviare file con nomi lunghi e con caratteri particolari come quelli di punteggiatura. Concorda col destinatario l’invio di file molto pesanti (oltre 1 MB).
  2. Rispondi sempre: rispondi sempre alle email, se non altro per dare conferma di presa visione al mittente.
  1. Se ci sono diatribe personali, è meglio risolverle via PE in corrispondenza privata tra gli interessati
  2. Firma con il tuo nome: alla fine della email firma sempre con il tuo nome e possibilmente inserisci anche i tuoi contatti.

Naviga con sicurezza ed educazione

Queste sono soltanto alcune delle regole di comportamento online, per tutto il resto basta solamente rifarsi al buon senso e ricordare il principio del “think before you text“.